Garantire la continuità, un compito essenziale per William Berthoud

William Berthoud è presidente dell'Azienda lattiera di Semsales, il cui Gruyère AOP è stato insignito del titolo "formaggio d'eccellenza 2021" dal Consiglio di Stato friburghese. Questo produttore di latte gestisce l'attività di famiglia un tempo appartenuta al padre e, prima ancora, al nonno. Alleva circa 60 mucche.

15 set 2021
Intorno a Le Gruyère AOP
© Aliénor Held

"Credo nel detto Chi non avanza, indietreggia! Sia come presidente dell'azienda lattiera che come produttore, mi impegno a stare al passo coi tempi, a modernizzarmi, pur mantenendo, per quanto possibile, un forte legame con la tradizione familiare e il passaggio generazionale."

William Berthoud, presidente dell'azienda lattiera Semsales

"Credo nel detto Chi non avanza, indietreggia!", afferma risoluto Berthoud. "Sia come presidente dell'azienda lattiera che come produttore, mi impegno a stare al passo coi tempi, a modernizzarmi, pur mantenendo, per quanto possibile, un forte legame con la tradizione familiare e il passaggio generazionale". Non sorprende, quindi, che l'attività di famiglia abbia subito diverse trasformazioni nel corso degli anni. Nel 1979, suo padre ha modernizzato la stalla delle mucche e, nel 2011, quando ha avuto l'opportunità di espandere l'azienda, William ha fatto il grande passo puntando sulla stabulazione libera. Con l'aumento della superficie di terreno, ciò ha rappresentato un'ottima soluzione per facilitare il lavoro.

Berthoud ha lavorato per molti anni insieme al padre e a un apprendista. Oggi gestisce la proprietà con due apprendisti. Da quando ha iniziato, ne ha formati 28. Un ruolo a cui tiene molto per garantire che il mestiere venga tramandato. Inoltre, apprezza il contatto con i giovani. "Sono tutti diversi. È necessario ascoltarli e accettarli per come sono, affinché possano dare il meglio di sé. Alcuni preferiscono il bestiame, altri le macchine". Berthoud ha formato sia ragazzi che ragazze, provenienti dalla regione e dalla Svizzera tedesca; alcuni hanno 15 o 16 anni, altri sono più grandi e vengono da lui per una seconda formazione. 

Per 16 anni, William Berthoud è stato membro del comitato di formazione. Per questo conosce perfettamente le competenze richieste agli apprendisti. "Occorre prenderli al livello in cui sono e farli crescere. È essenziale vederli progredire nel corso dell'anno. Se non provengono dal mondo agricolo, è necessario cominciare da zero. In caso contrario, entro un po' di più nei dettagli. Se provengono dalla Svizzera tedesca, parlo loro in tedesco fino a Natale e poi, non so perché, dimentico la lingua", puntualizza con un sorriso. 

Con i suoi apprendisti, William Berthoud pone l'accento sull'igiene, che è molto più semplice con la stabulazione libera e i vani mungitura. "Si potrebbe pensare che non ci sia alcuna relazione. Eppure, lo spazio e i locali aerati e luminosi contribuiscono indirettamente a un'igiene migliore. Un aspetto, ovviamente, molto importante per la produzione del latte destinato al Gruyère DOP". 

Durante i tre anni di formazione, gli apprendisti vivono con la famiglia ed è Noémie, la moglie di William, a occuparsi della gestione e, soprattutto, dell'accoglienza e della supervisione di questi giovani. "In pratica, fanno parte della famiglia. Se lo desiderano, possono partecipare con noi alle attività ricreative. Per loro, sono un po' una seconda mamma. Se hanno l'influenza o si fanno male, mi prendo cura di loro. Per alcuni, sono anche una confidente. Mi adatto alle loro necessità e mi piace molto questo ruolo". 

Nella famiglia Berthoud, la continuità è garantita. Il figlio Rémy sta svolgendo un apprendistato come agricoltore e la figlia Adeline intende diventare tecnico agronomo. "Abbiamo sempre dato loro la massima libertà di scegliere la propria strada professionale. Sono stati loro, in modo autonomo, a mostrare interesse per l'agricoltura e a fare questa scelta. E ne siamo molto felici!", esclamano in coro Noémie e William.

Leggi anche

Primo piano sul caseificio Gourmande di Montricher

24 ago 2021 Intorno a Le Gruyère AOP

Pierre-André Barras, l'alpeggio nel DNA

16 lug 2021 Intorno a Le Gruyère AOP